Novum Certamen Catullianum

Francesco Vecchiato, Il Certamen Catullianum di Lazise. 1967-1992.                                                ---    Descrizione Progetto     ---
 
Il Certamen Catullianum veniva fondato nel 1967 da Lanfranco Vecchiato, professore di lettere - italiano e latino - al liceo scientifico “Angelo Messedaglia” e poi preside nello stesso istituto, che nei confronti della lingua e della cultura latina nutrì una straordinaria passione. La vicenda umana di Lanfranco Vecchiato è scandita da un numero sorprendente di iniziative culturali. Nel decennio 1949-
1959 egli avviava il dibattito sull’esigenza di dotare Verona di una sede universitaria, attivando la Scuola Superiore di Scienze Storiche, istituita nel 1950 e intitolata a “Ludovico Antonio Muratori”. Dalla “Muratori” nel 1959 sarebbe sbocciata la facoltà di economia e commercio[1]. Dal 1959 al 1967 troviamo Vecchiato impegnato in progetti di grande spessore come la Lectura Dantis Scaligera. La terza fase della sua creatività culturale è legata alla fondazione dell’Accademia Catulliana, egida sotto la quale promuove il Certamen Catullianum[2].
Il ciclo dantesco sarebbe stato anni dopo illustrato da Vecchiato proprio a Lazise in questi termini: Nel luglio 1965 si concludeva a Lazise il ciclo delle manifestazioni dantesche indette per celebrare il
VII centenario della nascita del sommo poeta fiorentino (1265-1965). Iniziate a Verona nell’anno accademico 1959-60 con la Lettura Dantesca Veronese (Lectura Dantis Scaligera), che, nello spazio di cinque anni, presentò il commento di tutti i cento canti del poema divino e una serie di temi danteschi di alto interesse scientifico, si chiusero a Lazise sul Lago di Catullo con i Corsi estivi per
stranieri. Verona in tanti secoli di vita del culto di Dante non vide mai un complesso di studi così vasto e a tale livello; i Corsi estivi ebbero per tema ‘Dante e l’Europa’, che fu svolto seguendo il filo di argomenti assai indovinati ad opera di studiosi specializzati e alla presenza di giovani attenti ed interessati. A Verona la Lettura Dantesca Veronese fu tenuta nella Loggia di Fra Giocondo in piazza Dante, alle ore 11 di ogni domenica dal dicembre all’aprile per tutto un quinquennio; a Lazise i Corsi danteschi per stranieri si svolsero nella Chiesa di S. Nicola al porto, gioiello dell’arte romanica, per quasi tutto il mese di luglio 1965. Sulle motivazioni del centenario dantesco si attuò fra Lazise e Verona una intesa di programmi, feconda di più duratura attività culturale. L’intesa fu possibile per il fervido spirito di iniziativa del presidente dell’Accademia catulliana prof. Lanfranco Vecchiato e per
la disponibilità previdente e fattiva del dr. Gaetano Rossetti, presidente dell’Azienda autonoma di soggiorno e turismo di Lazise. Infatti sui Corsi estivi per universitari e laureati stranieri, nel giugno 1967 sorsero ad opera dell’Accademia catulliana, il Certamen Catullianum o Concorso internazionale di composizione latina e le Manifestazioni culturali del maggio lacisiense[3].

XII^ edizione del Novum Certamen Catullianum    2017

Concorso riservato agli studenti liceali del Veneto  - Cerimonia di Premiazione Vincitori del concorso

Dogana Veneta di Lazise  - 21 maggio 2017


 Il Certamen Catullianum ha una lunga tradizione, sospesa temporaneamente a seguito dei lavori di restauro della Dogana Veneta di Lazise. Nelle precedenti edizioni sono stati premiati autori italiani e stranieri: i riconoscimenti attribuiti appaiono citati con la dovuta enfasi nei curricula anche accademici dei vincitori. Dallo svolgimento delle precedenti edizioni la città di Lazise e la Provincia di Verona hanno tratto notorietà ed ulteriore credito culturale. (descrizione del progetto)

XII^ edizione del Novum Certamen Catullianum a cura del Centrum Latinitatis Europae, in collaborazione con il Comune di Lazise, la Provincia di Verona e il Liceo “Carlo Montanari” di Verona e la delegazione veronese dell’Associazione Italiana di Cultura Classica, riservato agli studenti del triennio dei Licei della Regione del VENETO.

Al concorso sono stati ammessi gli studenti che in tutti gli anni del corso Liceale da loro frequentato abbiano riportato una valutazione finale in latino non inferiore a 7/10.
Un saggio di interpretazione critica di testi Catulliani con commento di carattere linguistico e storico-letterario in lingua italiana è stato oggetto della prova di concorso.

L’evento mette in evidenza, per le giovani generazioni, la grande importanza della conoscenza della lingua latina come mezzo di conoscenza delle proprie origini, ricordando in particolare per il Certamen la figura di Catullo, poeta con radici gardesane, delle proprie tradizioni e per avere una formazione culturale e professionale più completa.

BANDO e REGOLAMENTO del Concorso


Prove di concorso: sabato 04 marzo 2017 presso la succursale del Liceo "Carlo Montanari" in Stradone Maffei, 3 a Verona

 

 


Vincitori edizione 2015
Vincitori edizione 2014
Vincitori edizione 2013
Vincitori edizione 2012
Vincitori edizione 2011
 




Ultimo aggiornamento: 17/05/17