Regione Veneto

Servizio aiuto personale e Servizio di Vita Indipendente

COS’È
È finalizzato al sostegno della domiciliarità. Con l’assegnazione di operatori socio-sanitari, il servizio si occupa di aiuto personale nello svolgimento delle attività quotidiane e interventi di accompagnamento sanitari e sociali (tempo libero, visite, formazione, integrazione sociale).

A CHI È RIVOLTO
A tutte le persone con disabilità grave, in possesso della certificazione di stato di handicap grave, ai sensi dell’art. 3, comma 3 della Legge 104/92, in età compresa tra 0 e 64 anni compiuti, residenti nei Comuni dell’Azienda ULSS n. 22, non domiciliate in strutture residenziali.

MODALITÀ DI ACCESSO
Per accedere al Servizio di Aiuto Personale l’interessato, la famiglia o il tutore, presenta domanda all’Assistente Sociale competente territorialmente (Comune o Distretto). Tale domanda viene valutata da un’apposita Commissione Disabilità e successivamente sottoposta alla Unità Valutativa Multidimensionale Distrettuale, che comunicherà alla persona interessata o a chi ne ha titolo, l’esito della valutazione. È previsto, inoltre, un contributo regionale per persone affette da SLA (ICD A).

COSTO
Viene richiesto il contributo per il rimborso chilometrico, se il progetto individualizzato prevede accompagnamenti esterni con l’utilizzo dell’auto dell’operatore assegnato.
torna all'inizio del contenuto